I vice sindaci

I Vice Sindaci sostituiscono il Sindaco temporaneamente assente in tutte le sue funzioni. In questo periodo svolgono attività giornaliere di interesse generale e anche le funzioni delegategli dal sindaco.

Barbara Švagelj 

 Barbara Švagelj, nata il 5 febbraio 1969, si è trasferita da Pirano ad Ancarano nel 1997, dove abita tutt’ora con il marito viticoltore e la loro famiglia. Dopo aver finito la scuola elementare a Pirano, ha continuato gli studi presso il liceo scientifico a Capodistria e poi presso la Facoltà di Biotecnologia a Lubiana, dove si è laureata con la tesi in biologia marina. Ha cominciato la sua carriera lavorativa presso il Centro di attività scolastiche e di accompagnamento e la scuola elementare di Ancarano. Poi ha deciso di cambiare lavoro e di proseguire la sua carriera lavorando nei vigneti e nella cantina.

Da convinta ambientalista segue questa sua vocazione sia nel lavoro che nell’educazione dei giovani. Nei rari momenti liberi si dedica alla famiglia – al marito e ai loro tre figli e agli amici. Ama da sempre lo sport subacqueo e rilassarsi in natura, leggendo e ascoltando buona musica. Inoltre le piace cucinare, specialmente i dolci.

Negli anni dal 2011 al 2014, nel ruolo di consigliere, svolgeva la funzione di vice presidente del Consiglio della Comunità locale di Ancarano ed era allo steso tempo a capo del comitato per le attività sociali. Nel seguente mandato, dal 2014 al 2018, svolgeva le funzioni di vice sindaco e di presidente del comitato per le attività sociali. Le sue mansioni concernevano i bandi annuali per il funzionamento delle società, l’organizzazione delle custodie estive per bambini e inoltre la gestione di progetti riguardanti la fondazione dell’istituto indipendente Scuola elementare e asilo di Ancarano, della Biblioteca di Ancarano e dell’unità dell’Asilo Delfino blu. Ha collaborato nella realizzazione del progetto di trasporti gratuiti per gli anziani (progetto Sopotniki) e nel progetto di ricerca riguardo lo stato e i bisogni degli anziani di Ancarano.


La sua mansione di vice sindaco concerne prevalentemente le attività sociali. Si dedica specialmente alle persone con bisogni speciali; è attivamente coinvolta nelle iniziative collegate con la sistemazione del loro status e ripropone costantemente la questione della giustizia sociale. Svolge la funzione di vice sindaco da professionista. Oltre a questo si occupa anche del settore che prevede la gestione delle risorse naturali e della protezione ambientale, con particolare attenzione alla gestione del Parco naturale di Punta Grossa. 


Martina Angelini

Mag. Martina Angelini, nata il 24 settembre 1974, abita dalla nascita ad Ancarano. Ha frequentato la scuola elementare a Colombano e Bosici. Dopo la conclusione della Scuola media di economia e gestione aziendale a Capodistria, ha continuato gli studi all’Università di economia di Lubiana, ottenendo la laurea nel 2000. Dopo la conclusione degli studi è stata assunta all’Amministrazione fiscale di Capodistria. Nel 2016 ha concluso con successo gli studi di laurea magistrale all’Università di legge di Maribor ottenendo la laurea magistrale in scienze di legislazione fiscale. È impiegata come ispettore finanziario superiore all’Amministrazione finanziaria della RS di Capodistria.

Moglie e madre di tre figli, ha una visuale tradizionale incline alla conservazione delle tradizioni e delle abitudini nella località. Amante del mare, da piccola è legata al lavoro della piccola fattoria di famiglia. Collabora attivamente anche nelle attività della parrocchia di Ancarano.

Fa parte della comunità nazionale italiana e dal 2011 è attiva come membro nei diversi consigli e commissioni nell’ambito della Comunità autogestita della nazionalità italiana e della Comunità degli italiani di Ancarano.

Nel mandato 2014-2018 è stata membro del Comitato di controllo del comune di Ancarano, mentre nel mandato 2018-2022 è stata eletta nel Consiglio comunale del Comune di Ancarano come rappresentante della comunità nazionale italiana.




Come vicesindaco si occupa delle attività legate all’operato della comunità nazionale italiana nel Comune. Si impegna che questa ricopra in tutti gli ambiti della comunità locale ruoli sempre più evidenti. Svolge non professionalmente la funzione di vicesindaco.